Sensibilizzazione

About This Project

Non Dalla Guerra rivolge agli studenti delle scuole superiori un percorso formativo strutturato su quattro incontri, pensato per un gruppo di circa 100 persone.
Si vuole comunque lasciare alla scuola la possibilità di adattare la proposta secondo la propria morfologia.

 

TEMPI

I quattro incontri sono previsti, in linea di massima, nei mesi di novembre, gennaio, marzo e maggio; il primo ed il terzo incontro occuperanno due ore scolastiche ciascuno, il secondo tre ore. L’evento finale si terrà fuori dall’orario scolastico, in una o più serate.

 

VERIFICA E MONITORAGGIO

Alcuni professori, insieme all’associazione e agli studenti faranno da rappresentanti e portavoce delle idee e delle critiche emerse durante il percorso svolto.

 

L’istruzione sia l’unico strumento in grado di contrastare la diffusione sempre più capillare di estremismi e fondamentalismi;

se ai profughi venisse data un’alternativa concreta, un’alternativa all’ignoranza ed alla totale impossibilità di provvedere a sé stessi ed alla propria famiglia, in quel momento potrà esservi la speranza di un futuro migliore per loro.

Da settembre 2014, appena rientrati dal primo viaggio, “Non dalla Guerra” ha iniziato a lavorare in diverse scuole del territorio vicentino per sensibilizzare e promuovere il progetto con l’obiettivo di organizzare una campagna di raccolta fondi. La nostra proposta consisteva in assemblee plenarie o laboratori sul tema delle guerre, della cooperazione e della gestione creativa e nonviolenta dei conflitti.

 

La proposta di incontri scolastici si struttura secondo uno schema di quattro incontri da suddividere durante l’anno scolastico, nei mesi da concordare con l’ istituto:

 

  1. Incontro sull’INFORMAZIONE: partendo dalla semplice analisi di alcuni di articoli di quotidiani che trattavano tematiche relative ai conflitti, all’immigrazione e all’integrazione, si è tentato di fornire ai ragazzi gli strumenti necessari per analizzare il fascio di informazioni che ci arrivano con occhio critico e disincantato, non lasciandosi condizionare dalla faziosità della politica o dall’arroganza di certo giornalismo.
  2. Laboratorio sull’EDUCAZIONE ALLA PACE: dopo quella prima parte, si è tentato di capire come il populismo e la (dis)informazione possano rivelarsi possibili responsabili o co-responsabili della genesi e nascita di conflitti.
  3. Incontro di TESTIMONIANZA: partendo da una premessa storica per raccontare, a brevi tappe, la storia recente dei conflitti in Medioriente e spiegare quali siano le cause che hanno portato all’esplosione di tali conflitti armati. I ragazzi di “Non dalla guerra”, con l’ausilio di materiale video-fotografico raccolto in Giordania, hanno tentato di raccontare e far arrivare la loro esperienza agli studenti.
  4. Incontro finalizzato all’organizzazione di un EVENTO di raccolta fondi assieme agli studenti.

 

Gli incontri proposti secondo questo nuovo schema hanno la finalità di diffondere il progetto, ma anche quella di creare un team di studenti e professori che fossero in grado di portare avanti iniziative organizzate grazie agli incontri di formazione. Il nostro obiettivo è prima di tutto quello di sensibilizzare gli studenti su di una realtà apparentemente lontana come la guerra e favorire azioni concrete per sostenere tali iniziative.

Category
Progetto permanente